Rubino o Zaffiro per il mio anello di fidanzamento?

Posted in Gioielli

anello-di-fidanzamento-con-rubino-e-diamanti-blue-nileScegliere tra un rubino o uno zaffiro per il proprio anello di fidanzamento non è solo una questione di colore. Ovviamente se vi piace il rosso è meglio optare per il rubino e se invece preferite il blu conviene preferire lo zaffiro. Quali sono però le peculiarità dell’uno e dell’altro?

Che cos’è un rubino?
Chimicamente si tratta di un ossido di alluminio nella forma monocristallina. parole difficili per dire che è un composto di ossigeno ed alluminio, con alcune inclusioni di cromo. Ed è proprio quest’ultimo metallo conferisce al rubino la sua particolare colorazione. Stiamo parlando di una pietra particolarmente dura, con addirittura un bel 9 nella Scala di Mohs, seconda solo al diamante che ha 10. Proprio questa sua durezza, però comporta una certa difficoltà a trovare esemplari di rubino dalle dimensioni consistenti, visto che la loro estrazione avviene in giacimenti in depositi alluvionali. In natura, dunque, raramente troveremo un rubino con una buona limpidezza che superi i 10 carati. Ci sono poi esemplari prodotti in laboratorio attraverso vari metodi con i quali si possono ottenere gemme di dimensioni importanti, anche tra i 10 e i 40 centimetri.

Che cos’è uno zaffiro?
Anche lo zaffiro è un composto di ossigeno ed alluminio ed ha la stessa formula chimica del rubino. La colorazione blu-azzurra è dovuta in questo caso a piccole inclusioni di ematite e rutilo. Anche lo zaffiro presenta una notevole durezza, anch’esso fa registrare 9 nella Scala di Mohs. La sua estrazione avviene in depositi alluvionali ricchi di rocce metamorfiche che hanno avuto un processo di rifusione in magmi vulcanici con minima concentrazione di silice. Anche lo zaffiro può essere prodotto anche in laboratorio attraverso un processo di sintesi. Per distinguere un esemplare naturale da un esemplare sintetico occorre effettuare un esame al microscopio delle inclusioni interne. Comunque anche tra gli esemplari perfettamente naturali si possono trovare gemme di dimensioni importanti.

Differenze tra rubino e zaffiro
Per quello che abbiamo detto, a parte la differenza di colorazione, non c’è sostanziale diversità tra i rubini e gli zaffiri, almeno nella loro composizione chimica. Ci sono però delle sostanziali differenze pratiche. Se consideriamo solo le gemme naturali, tralasciando quelle sintetiche, dobbiamo innanzitutto tenere presenti le differenti dimensioni riscontrabili. Come abbiamo visto i rubini naturali sono raramente di caratura importante. Quindi se intendete acquistare un anello di fidanzamento con una gemma particolarmente grande è meglio orientarvi sul zaffiro piuttosto che sul rubino. La lavorazione delle due pietre è abbastanza simile, quindi dal punto di vista dell’incastonatura non ci sono particolari differenze tecniche. Un anello con un alloggiamento capace di ospitare un rubino può tranquillamente farlo anche con uno zaffiro. L’ideale sarebbe incastonarlo in un anello d’oro giallo.

Come scegliere la pietra adatta
Una delle caratteristiche più importanti da tenere in considerazione per la scelta della pietra è la trasparenza. Più una gemma sarà pura, senza inclusioni visibili ad occhio nudo, più sarà affascinante e avrà valore. È pertanto questa la peculiarità che va considerata maggiormente. Il prezzo salirà inevitabilmente con una maggiore trasparenza e una maggiore caratura. Anche questo va messo in conto quando si sceglie un anello di fidanzamento. Le oscillazioni di valore, infatti, possono essere importanti e una pietra a parità di caratura ma con un grado di trasparenza superiore può arrivare a costare il doppio di una pietra parzialmente impura.

Simbologia
A livello di significato della gemma, quale scegliere tra rubino e zaffiro? Anche qui dipende dal messaggio che volete trasmettere attraverso l’anello di fidanzamento. Infatti il rubino, simbolo del fuoco, è indicato qualora si voglia trasmettere amore e passione, vitalità e giovinezza. Insomma è indicato per un amore giovane e passionale. Si crede che dia stabilità alle unioni e preservi dai tradimenti. Lo zaffiro invece è il simbolo dell’immortalità e quindi è indicato qualora vogliate giurare amore eterno alla vostra amata. È anche il segno dell’unione e della pazienza, quindi indicato per una seria proposta di matrimonio. Entrambi però sono anche il simbolo, come il diamante, della purezza e dunque anche dell’amore innocente e intenso.