Oro fisico e monete da investimento

Posted in Investimenti oro, Monete

monete investimentoE’ il momento giusto per investire in oro!

Secondo l’emerito parere di illustri studiosi dopo la discesa delle quotazioni dell’oro verificatasi nel 2013, è consigliabile investire adesso in oro fisico.
Bene di rifugio per antonomasia, l’oro fisico in questo frangente rappresenta un bene sicuro e rivalutatile nel tempo.
L’oro da investimento è rappresentato da lingotti, placchette e da monete.
Gli investitori di un certo livello sanno bene che optando per la scelta di investire in oro piuttosto che in altre valute, si prevede un’ottima fonte di guadagno, addirittura una pensione alternativa.
L’oro fisico garantisce la solubilità immediata e diventerebbe una vera e propria riserva in caso di guerre o drastiche crisi economiche.
L’oro fisico si può acquistare con un conto metalli e alla pari di un conto corrente bancario, si possono compiere innumerevoli operazioni finanziarie.
E’ possibile acquistare lingotti di varie dimensioni con formati standard da 12 chilogrammi o nel formato americano da 1 chilogrammo ma sono reperibili anche pezzature di un solo grammo.
Una maniera affidabile per investire senza problemi è quella di rivolgersi al Banco Metalli, Istituto regolarmente accreditato dalla Banca d’Italia dove operano professionisti competenti e pronti a consigliare gli investitori principianti.

Le funzioni del Banco Metalli.

Il Banco Metalli è un’importante istituzione che è nata in modo capillare su tutto il territorio nazionale. Sono molti i cittadini che approfittano di questi esercizi autorizzati per vendere gioielli dismessi, vecchie catenine inutilizzate o monili rotti per ricavarne piccole somme di denaro da riservare ad acquisti più necessari.
Gli operatori provvederanno a fondere i rottami per poi procedere alla lingottatura.
Ma al Banco Metalli non si rivolgono solo i comuni cittadini desiderosi di ricavare piccoli guadagni bensì anche quelle persone che decidono di entrare a far parte della vasta schiera di investitori di oro fisico.
Gli operatori del Banco Metalli infatti, dedicano la loro attenzione maggiore proprio a questo tipo di utenti consigliandoli e donando loro tutta l’assistenza possibile per indirizzarli verso un mondo nuovo ma sicuramente proficuo.
La serietà di questi esercizi si denota dalla supervisione della Banca d’Italia che secondo le normative che disciplinano la materia, segue i movimenti del Banco Metalli.
I professionisti sono tenuti ad annotare qualsiasi operazione di compravendita su appositi registri.

Prima di investire in monete d’oro occorre fare chiarezza.

Il mondo delle monete è molto vario e l’investitore ha bisogno di comprendere che differenza passa tra l’acquisto di monete da collezione e quelle da investimento.
E’ a questo punto che entra in gioco l’abilità dell’operatore del Banco metalli che con professionalità sarà in grado di evidenziare le differenze tra le due tipologie di monete.
Tutte le monete fanno parte della scienza numismatica ma le monete da investimento possono acquisire maggior valore, nonostante spesso non abbiano valore numismatico.
Per l’investitore è fondamentale capire le differenze tra i due esemplari poiché solo le monete da collezione seguono un regime di mercato differente per quanto riguarda la loro quotazione. Tuttavia è possibile far combaciare una passione con la possibilità di impiegare una somma di denaro in un’impresa in modo che il capitale accresca.

E’ consigliabile ricevere delle giuste garanzie prima di un acquisto.

E’ fondamentale per qualsiasi investitore, ottenere garanzie precise quando si accinge ad investire in monete d’oro.
Questo è uno dei motivi per cui bisogna rivolgersi a persone affidabili nel caso si voglia investire in questi elementi.
Per avere la certezza che le monete non siano contraffatte debbono essere state emesse da istituti che hanno le autorizzazioni necessarie.
E’ preferibile acquistare quelle monete dove sussistono valori sicuri indipendentemente dalla loro epoca come ‘le Marengo del Regno d’Italia, le Vittorio Emanuele II e III, e quelle di Umberto I.’
Ci sono invece esemplari su cui è meglio evitare di impiegare i propri risparmi come ‘le medaglie con valore nominale, le monete regionali, le serie limitate e le edizioni speciali’.
Sono monete che non mettono al sicuro il patrimonio perché con il passare degli anni potrebbero perdere il valore nominale.
Se si acquistano esemplari come il Krugerrand si può sfruttare l’effetto dello Spread rivendendole in un momento in cui sono molto richieste.
Lo spread ossia la differenza tra il valore assegnato alla moneta sul mercato e quello dell’oro in essa contenuto, non deve superare l’80%